L’allenamento istintivo

BLOG | L'allenamento istintivo

L’allenamento istintivo

L’allenamento istintivo (IT) non significa fare le cose a caso, anzi, richiede un tasso tecnico elevato per evitare il de-allenamento, l’assenza di priorità muscolare o più semplicemente allenarsi alla bene e meglio.
Nei periodi in cui sono molto impegnato, stressato o anche solo svogliato mi rifugio sempre nell’allenamento istintivo (istintive training per gli anglofoni).

L’IT può essere paragonato agli approcci alimentari in cui vengono indicati solo i macronutrienti. Ci sono le diete che indicano quali alimenti mangiare al grammo e poi ci sono gli approcci che in cui si hanno solo i macronutrienti e sta a te decidere che alimenti mangiare a patto che rientri tutto nei macros.

Stesso discorso per l’allenamento: vi sono i piani nel dettaglio e poi L’IT in cui tu sai che volume di allenamento, intensità e frequenza devi mantenere e lo rispetti scegliendo esercizi che in quel momento ti senti più di fare.
Anche gli esercizi non vanno selezionati a caso, se si ha il fascio clavicolare del petto carente, ad esempio, non si insisterà troppo sulla panca piana.

BLOG | L'allenamento istintivo

Risultati migliori con l’allenamento istintivo

Anche diversi studi di qualche anno fa si sono concentrati sull’argomento confrontando due protocolli allenanti: un gruppo seguiva un piano prestabilito mentre un secondo un allenamento istintivo. Dopo diverse settimane pare che il secondo gruppo avesse ottenuto migliori risultati a livello ipertrofico; ad essere sincero la cosa non mi sorprese affatto.
Ci si concentra troppo su volume e frequenza come variabili fondamentali per l’ipertrofia (non è sicuramente un errore), probabilmente però ci si dimentica che senza l’aspetto psicologico dalla nostra è come se fossimo in macchina in autostrada, ma con il freno a mano tirato.

Quando scegliere un allenamento istintivo

Per questo motivo lo faccio spesso utilizzare durante i periodi di scarico, da soggetti almeno intermedi e per brevi periodi (massimo 7-10 giorni), in cui oltre a dare meno stress e quindi maggiore riposo al fisico permetto anche alla persona di uscire dalle strette linee guida degli allenamenti impostati e ri-caricarsi psicologicamente per non perdere mai la voglia di allenarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *